Statuto

NOI Liberi Vicentini … NOI Liberi Veneti … NOI Liberi Italiani … NOI Liberi Europei

( Bozza vedi ARTICOLO 15 )

ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE e Costituzione

Ai sensi del Codice Civile, delle Leggi Statali e Regionali che regolano l’attività dell’associazionismo, nonché dei principi generali dell’ordinamento, è costituita l’Associazione “LIBERI VICENTINI” senza scopo di lucro, di diritto italiano, nel rispetto del codice civile e della L.383/2000. E’ un’Associazione fondata ufficialmente dai sottoscritti e da tutti coloro che hanno aderito al Manifesto, in allegato e al presente statuto. È aperta a chiunque ne condivida i principi e le finalità. Organo informativo dell’associazione è il sito internet www.liberivicentini.it

Le grandi aree tematiche che l’Associazione “LIBERI VICENTINI” si propone di condurre sono: Ambiente, Territorio, Legalità, Sicurezza informando, ovvero raccogliendo i fatti verificati come autentici, reali della nostra società che condizionano il nostro modello di vita presente e futuro. L’Associazione non ha alcuna colorazione politica, non ha necessità di affiliarsi ad alcun rappresentante politico. Affermiamo di ESSERE LIBERI di conseguenza non possiamo assistere inermi e impassibili a qualcuno che determina il nostro futuro.

“LIBERI VICENTINI” promuove attività culturali, formative, informative dispiegando una battaglia civile contro ogni forma antidemocratica, di intolleranza, di ingiustizia, di violenza, di discriminazione, di abusi sul territorio, di illegalità, di prevaricazione dei diritti; sostiene ogni tipo di attività culturale, politica e sociale inerente alla valorizzazione e alla tutela del Bene Comune; riconosce come obiettivo supremo la difesa della Libertà e dei Diritti dell’Individuo.

L’Associazione “LIBERI VICENTINI” affermando il valore della Libertà bene individuale in una dimensione sociale, promuove e sostiene l’equità sociale a garanzia di pari opportunità.

ARTICOLO 2 – Durata

L’associazione ha durata illimitata.

ARTICOLO 3 – Oggetto

“LIBERI VICENTINI” è una Associazione che non ha fini di lucro, persegue il raggiungimento delle finalità con l’azione diretta e gratuita dei propri aderenti. “LIBERI VICENTINI” è apartitica perché non di Parte nell’attuale sistema Partitico Italiano. E’ finalizzata come Associazione a promuovere cultura e specificatamente informare al fine di promuovere un cambiamento generazionale, sociale e politico. L’Associazione si propone di svolgere l’attività anche attraverso la rete internet e/o altri strumenti digitali. L’Associazione persegue finalità di solidarietà, apertura e attenzione ai problemi reali, tangibili del nostro territorio – alle questioni inerenti all’esercizio dei diritti di partecipazione attiva della persona umana e delle comunità alla formazione della volontà e all’esplicazione dei comportamenti dei soggetti che esercitano potere dell’uomo sull’uomo – al pieno ed effettivo rispetto dei principi, dei diritti e dei doveri fissati dalla Costituzione della Repubblica Italiana; – al pieno ed effettivo rispetto dei principi, dei diritti e dei doveri fissati nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo proclamata il 10.12.1948 dall’Assemblea generale dell’ONU; – la diffusione dei principi concernenti l’etica pubblica nelle dimensioni della veracità, della lealtà e della giustizia.“LIBERI VICENTINI” può servirsi di tutti i mezzi legali destinati a servire questo obiettivo generale.

Per la realizzazione del suo obiettivo, l’Associazione svolge attività con tutti i mezzi a disposizione contro coloro che offendono la dignità e riducono la libertà individuale.

L’Associazione individua strumenti ed azioni aventi l’obiettivo di creare maggiore consapevolezza nei Cittadini riguardo a propri diritti e doveri e alle problematiche relative al proprio territorio. Promuove l’organizzazione di eventi, forum, dibattiti, convegni fisici e virtuali allo scopo di realizzare costruttivamente un progetto di piena Cittadinanza.

Il programma di attività e degli obiettivi sarà deliberato annualmente dal comitato direttivo e dall’assemblea generale.

L’Associazione collabora con tutte le altre Associazioni, Movimenti, Comitati presenti nel territorio provinciale, regionale, nazionale, internazionale che si prefiggono gli stessi obiettivi.

ARTICOLO 4 - Sede locale

La sede sociale dell’associazione è stabilita a Montebello Vicentino in provincia di Vicenza e trova allocazione presso il domicilio del Presidente Coordinatore Pro Tempore. Può essere trasferita in un altro luogo della Provincia di Vicenza su indicazione del Comitato direttivo e decisione maggioritaria dell’assemblea generale – La Variazione della sede sociale viene approvata con atto deliberativo dell’Assemblea Generale senza che questo comporti modifiche all’atto Costitutivo e/o allo Statuto.

ARTICOLO 5 – Soci

L’Associazione Culturale/Politica “LIBERI VICENTINI” è aperta a tutti i cittadini italiani ed europei che desiderino contribuire ad un cambio generazionale e politico.

L’adesione a “LIBERI VICENTINI” avviene per richiesta diretta al Presidente Coordinatore, ai membri del direttivo oppure ON-LINE – è totalmente gratuita.

Sono soci coloro che condividendo le finalità dell’Associazione chiedono di iscriversi presentando apposita richiesta. Sono da considerarsi Soci Elettori che possono essere eletti alle cariche sociali dal 16° anno di età – sotto il 16° anno di età coloro che faranno richiesta di adesione saranno a tutti gli effetti Soci dell’Associazione, possono partecipare alle assemblee, prendere parte alle attività dell’organizzazione ma non possono essere eletti alle cariche sociali.

Sono Soci Fondatori coloro che hanno fondato l’associazione sottoscrivendo l’atto costitutivo e con le loro libere offerte hanno contribuito a creare il patrimonio iniziale dell’associazione – sono soci ordinari coloro che aderiscono all’associazione.

Per i minori è necessaria la delega dei Genitori o di coloro che ne fanno le veci.

Non possono aderire coloro che sono incompatibili con l’obiettivo dell’Associazione, di conseguenza coloro che hanno provocato reati ambientali per interesse personale , che sono stati condannati per mafia, concussione e corruzione, reati contro lo Stato , coloro che hanno abusato della funzione pubblica per interesse personale o di gruppo prevaricando gli interessi della collettività, reati contro la persona. L’adesione a “LIBERI VICENTINI” è incompatibile con la contemporanea iscrizione a Partiti Politici attualmente presenti nel Parlamento Italiano perché finalizzati a sostenere il sistema imprenditoriale della Cosa Pubblica ovvero Oligarchia Parassitaria che hanno la finalità di sostenere e gestire la continuità della propria impresa.

Possono inoltre aderire persone fisiche e giuridiche, enti, istituzioni, associazioni, movimenti, comitati che condividono le finalità espresse nel presente Statuto.

ARTICOLO 6 – Diritti e doveri del socio

Tutti i soci godono degli stessi diritti e sono assoggettati agli stessi doveri.

Possono chiedere di essere ammessi come soci persone fisiche e giuridiche.

Chiunque intenda diventare socio deve presentare richiesta da sottoporre all’approvazione del Consiglio Direttivo. Accettare e rispettare lo Statuto dell’Associazione e le delibere assembleari.
I soci hanno diritto a partecipare alle assemblee e a votare direttamente per delega o on-line internet.
Ciascun Socio ha diritto di aver la più ampia informazione, ha altresì diritto di intervenire nelle discussioni e può formulare interrogazioni.

L’assemblea può stabilire forme di contingentamento dei dibattiti.

ARTICOLO 7 – Disposizioni per i Soci

Tutti i Soci Aderenti sono tenuti ad osservare le disposizioni statutarie e regolamentari nonché le direttive e le deliberazioni che sono emanate dagli organi dell’Associazione. Le prestazioni fornite dai soci sono a titolo gratuito. Ai soci possono essere rimborsate soltanto le spese effettivamente sostenute e documentate, secondo opportuni criteri e parametri validi per tutti gli aderenti, preventivamente stabiliti dal Consiglio Direttivo ed approvati dall’Assemblea Generale e alle disponibilità di Cassa.

ARTICOLO 8 – Esclusione

Le status di socio si perde nei casi seguenti:

1) Dimissioni, recesso volontario, esclusione o decesso Tale recesso avrà decorrenza immediata

2) Comportamento illegale all’interno o al di fuori dell’Associazione con attività palesemente in contrato con le finalità dell’associazione

3) Violazione delle regole interne del movimento e/o ha comportamenti lesivi dell’immagine dell’Associazione.. L’esclusione o le dimissioni devono essere comunicate dal socio o al socio per iscritto a mezzo di lettera raccomandata.

Il socio escluso può ricorrere al Collegio dei Garanti, se nominato, o all’Assemblea dei soci, che devono decidere sull’argomento nella prima riunione convocata. La decisione è inappellabile. Nel caso in cui il socio escluso rivesta una carica sociale, decade immediatamente ed automaticamente da tale carica, salvo il reintegro.

ARTICOLO 9 – Patrimonio Sociale

Il patrimonio sociale è costituito dal fondo di dotazione iniziale, da donazioni e liberalità dei soci.
 L’Associazione trae i mezzi per conseguire i propri scopi dalle seguenti entrate:

  1. Quote associative volontarie e libere mai vincolanti;
  2. Contributi privati e da manifestazioni e altre iniziative sul territorio.

ARTICOLO 10 – Organi sociali (1)

Sono organi dell’Associazione “LIBERI VICENTINI” :

1) L’Assemblea Generale dei Soci Regolarmente Iscritti;

2) Il Consiglio direttivo Nominato dall’Assemblea Generale;

3) Il Presidente Coordinatore Nominato dall’Assemblea Generale;

4) Il Tesoriere Nominato Dall’Assemblea Generale:

5) Il Collegio dei Garanti. Nominati Dall’Assemblea Generale.

Tutte le cariche sono elettive con libera eleggibilità e gratuite.

ARTICOLO 11 – Organi sociali (2)

1) COMITATO DIRETTIVO

L’associazione è diretta dal Comitato Direttivo di “LIBERI VICENTINI”

Il comitato direttivo è composto inizialmente da minimo 4 membri al massimo di 12 membri. Ad ogni membro titolare sarà affidato un campo di responsabilità. Il Comitato direttivo è eletto dall’Assemblea Generale di “LIBERI VICENTINI”.

Il mandato scade su decisione dell’Assemblea Generale su formale proposta di una maggioranza sul totale degli iscritti che richiede urgente convocazione dell’Assemblea Generale con preavviso di 15 gg. alla data della convocazione o sempre su decisione dell’Assemblea Generale nel corso delle assemblee programmate annualmente. IL Comitato Direttivo nomina un Vice Presidente a maggioranza dei voti.

Il Consiglio Direttivo si riunisce su convocazione del Presidente Coordinatore e quando ne faccia richiesta almeno un terzo dei suoi componenti. Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide quando è presente la maggioranza dei suoi componenti eletti. Di ogni riunione deve essere redatto il verbale da iscrivere nel registro delle riunioni del Consiglio.

Compete al Consiglio Direttivo:

  1. Compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione;
  2. Sottoporre all’approvazione dell’Assemblea Generale il bilancio consuntivo entro la fine del mese di aprile dell’anno successivo a quello interessato;
  3. Accogliere o respingere le domande degli aspiranti aderenti;
  4. Ratificare, nella prima seduta successiva, i provvedimenti di propria competenza adottati dal Presidente per motivi di necessità e d’urgenza.

Il Consiglio Direttivo gestisce loghi ed i marchi dell’Associazione.


2) L’ASSEMBLEA GENERALE di
“LIBERI VICENTINI” è composta dall’insieme dei soci (persone fisiche).

L’ Assemblea generale, considerando il limite territoriale provinciale si riunisce in forma fisica con i Soci presenti in sede opportuna e adeguata al numero dei partecipanti – sarà possibile in un prossimo futuro, previa decisione dell’Assemblea Generale svolgere riunioni con voto di delibera via internet. L’Assemblea Generale regolarmente costituita, rappresenta l’universalità degli associati e le sue deliberazioni, prese in conformità alla legge ed al presente Statuto, obbligano tutti gli associati. L’Assemblea è il massimo organo deliberante sia per l’attività ordinaria che per quella Straordinaria.

L’Assemblea Generale ha il compito di:

  1. Approvare il bilancio preventivo e consuntivo;
  2. Fissare le direttive per l’attività dell’Associazione;
  3. Approvare gli indirizzi ed il programma proposti dal Consiglio Direttivo;
  4. Eleggere i componenti del Consiglio Direttivo, determinandone il numero dei membri minimo 4 – massimo 12;
  5. Eleggere i componenti del Collegio dei Garanti;
  6. Ratificare i provvedimenti di competenza dell’Assemblea adottati dal Consiglio Direttivo per motivi di urgenza;

L’Assemblea straordinaria delibera eventuali modifiche al presente statuto e lo scioglimento dell’Associazione.

3) ASSEMBLEE ORDINARIE

Il Presidente Coordinatore dell’Associazione convoca l’Assemblea Generale 2 volte all’anno, per rendere conto delle attività e della gestione dell’associazione e sottomettere ad approvazione i bilanci morali e finanziari dell’anno concluso. Il Presidente invia a tutti i soci, prima della tenuta dell’assemblea, l’ordine del giorno e le deliberazioni da votare. In caso di voto elettronico, ogni membro ha 10 giorni di tempo, a contare dalla ricezione dell’e-mail, per esprimersi sulle risoluzioni proposte (favorevole/contrario/astenuto). In caso di mancata risposta nei termini stabiliti, si considera che il membro si sia astenuto. In caso di riunione fisica, le convocazioni e l’ordine del giorno devono essere inviate almeno 15 giorni prima della data del voto. Il Presidente dell’associazione, assistito dai membri del Comitato direttivo, presiede l’Assemblea Generale. L’Assemblea Generale delibera a maggioranza dei soci presenti. Il quorum è del 40% dei soci.

4) ASSEMBLEE STRAORDINARIE

Le assemblee generali straordinarie sono convocate dal Comitato direttivo, oppure su richiesta di almeno il 25% dei soci dell’associazione, secondo le stesse formalità descritte nel comma precedente. Il quorum è del 40% dei soci.

5) Le Assemblee sono presiedute da un Presidente e da un segretario eletti in seno alla stessa.

Le votazioni possono essere per alzata di mano o a scrutinio segreto. L’assemblea nomina gli scrutatori. Decide in ordine all’apertura e alla chiusura delle urne. Le deliberazioni dovranno essere verbalizzate indicando per le elezioni il numero dei votanti, il numero delle schede valide e i voti ottenuti.

ARTICOLO 12 – Il Presidente Coordinatore e il Vice-Presidente

  1. Il Presidente Coordinatore è eletto dall’Assemblea Generale a maggioranza di voti a seguito della presentazione di una mozione programmatica.
  2. Il Presidente ha la firma e la rappresentanza legale dell’Associazione nei confronti di terzi ed in giudizio;
  3. Convoca e presiede le riunioni dell’Assemblea Generale e del Consiglio Direttivo curando l’esecuzione delle relative deliberazioni;
  4. Sorveglia il buon andamento amministrativo dell’Associazione e cura l’osservanza del presente Statuto;
  5. In caso di necessità e di urgenza, assume i provvedimenti di competenza del Consiglio Direttivo, sottoponendoli a ratifica nella prima riunione successiva. In caso di assenza, di impedimento o di cessazione, le relative funzioni sono svolte dal vice Presidente, che convoca il Consiglio Direttivo per l’approvazione della relativa delibera di conferimento dell’incarico. Di fronte agli aderenti, ai terzi, a tutti i pubblici uffici, il Vice Presidente è delegato alla firma degli atti del Presidente assente per impedimento o cessazione.
  6. Il Presidente è investito di tutti i più estesi poteri per la determinazione e lo svolgimento dell’attività dell’Associazione secondo il programma stabilito e approvato dall’Assemblea Generale.

ARTICOLO 13 – Il Tesoriere

Il Tesoriere svolge la funzione di Segretario/ Tesoriere, procede alla convocazione e verbalizzazione delle riunioni dell’Assemblea Generale, del Consiglio Direttivo e coadiuva il Presidente Coordinatore nell’esplicazione delle attività esecutive. Cura la tenuta del libro Soci, del libro verbali delle riunioni dell’Assemblea e di quelle del Consiglio Direttivo.
 Il Tesoriere cura la gestione della cassa dell’Associazione e ne tiene idonea contabilità, predispone da un punto di vista contabile il bilancio.

ARTICOLO 14 - Esercizio Sociale e Bilancio

L’esercizio sociale chiude il 31 dicembre di ogni anno ed il bilancio annuale, riferito a tale data, è predisposto dal Consiglio Direttivo. Dal bilancio consuntivo devono risultare i beni patrimoniali, i contributi ed i lasciti ricevuti. Qualora il bilancio di fine anno evidenzi un avanzo di gestione, esso deve essere utilizzato per la realizzazione delle attività istituzionali dell’Associazione descritte nel presente Statuto o ad altre attività ad esse direttamente connesse.

Durante la propria vita l’Associazione (nel rispetto del comma 1, lettera d) dell’art. 10 del D.P.R. 460/97) non può procedere alla distribuzione, anche in modo indiretto, di utili o avanzi di gestione, nonché di fondi, riserve o capitale, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge o siano effettuate a favore di altre organizzazioni di volontariato che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura.

ARTICOLO 15 - Modifiche dello Statuto

Le modifiche allo Statuto di Liberi Vicentini sono proposte dal Comitato direttivo o da almeno il 10% dei soci, sotto forma di emendamenti allo statuto. Sono valide se raccolgono almeno il 50% dei voti in occasione di uno scrutinio al quale abbia preso parte almeno il 50% dei soci dell’associazione. È evidente che lo Statuto di “Liberi Vicentini” propriamente per essere Liberi è soggetto ad una continua evoluzione migliorativa con il contributo attivo dei Soci.

ARTICOLO 16 – Collegio dei Garanti

L’Assemblea Generale elegge un Collegio dei Garanti costituito da 4 componenti effettivi e da due supplenti scelti all’interno dell’Associazione o anche fra i non aderenti.
Le eventuali sostituzioni di componenti del Collegio devono essere convalidate dalla prima assemblea convocata successivamente alla nomina. I componenti così nominati scadono con gli altri componenti.
Il Collegio :
- ha il compito di esaminare le controversie tra gli aderenti, tra questi e l’organizzazione o i suoi organi, tra i membri degli organi e tra gli organi stessi;
- giudica ex bono et aequo senza formalità di procedure e il suo lodo è inappellabile.

ARTICOLO 17 – Scioglimento dell’ASSOCIAZIONE

In caso di scioglimento, deciso da almeno due terzi dei soci dell’Assemblea Generale, l’Assemblea stessa nomina uno o più commissari liquidatori. Soddisfatte le passività eventualmente presenti in bilancio, non potrà essere diviso tra i soci ma, su proposta del Consiglio Direttivo in carica all’atto dello scioglimento, dovrà essere devoluto ad altre associazioni senza fine di lucro o per finalità di carattere sociale.

ARTICOLO 18 – Norme di Rinvio

Per quanto non previsto nel presente Statuto, si applicano le norme previste dal Codice Civile, dalla legge 266/91, dalla legge regionale 22/93 e dal D.Lgs. 460/97 e dalla vigente normativa in materia. I regolamenti interni e le altre disposizioni, emesse dagli organi competenti, nell’ambito delle proprie mansioni, hanno valore legale all’interno dell’Associazione ed impegnano tutti i membri alla loro osservanza.

I Soci Fondatori

Carlo Rizzotto – Davide Brunello – Flavio Baccaro

Trackbacks/Pingbacks

  1. Rettifica articolo « LIBERI VICENTINI - [...] Liberi Vicentini [...]
  2. Con Il Porcellum, votiamo per Noi « LIBERI VICENTINI - [...] Liberi Vicentini Associazione Socio Culturale di informazione e di contrasto all’illegalità sul nostro territorio, consapevole che senza legalità non …

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>